Il bandito e il campione – Francesco De Gregori

Il testo del brano trae spunto da una storia vera, l’amicizia giovanile fra il grande campione, Costante Girardengo, e il pericoloso bandito, Sante Pollastri, entrambi originari di Novi Ligure.

Un legame nato ai tempi delle strade sterrate intrise di sudore e fatica, passioni e sentimenti. Luci e ombre sull’asfalto, un ricordo struggente del ciclismo che fu e un’amara riflessione su ciò che non sarebbe mai dovuto diventare.

Di Girardengo sappiamo tutto, vita morte e miracoli, era talmente bravo che proprio per lui venne coniato per la prima volta l’appellativo di campionissimo, meritatamente ereditato in seguito da Fausto Coppi.

Di Sante Pollastri al contrario conosciamo ben poco; soprannominato il “bandito anarchico” trascorse gran parte dell’esistenza combattendo un’impari lotta contro le forze dell’ordine fino all’inevitabile sconfitta.

Le scarne notizie di cronaca nera dell’epoca venivano infatti puntualmente censurate dal regime fascista per cui la loro veridicità risulta quanto meno dubbia.

Sempre avvolto nel mistero è rimasto ad esempio il motivo per cui ce l’avesse tanto con i Carabinieri, ne uccise una quindicina in diversi conflitti a fuoco, forse per vendicarsi dell’uccisione di un cognato o della morte del fratello, prelevato a forza da casa per presentarsi alla chiamata di leva, nonostante fosse gravemente malato, e poi morto in caserma.

La leggenda popolare racconta invece di uno stupro perpetrato ai danni della sorella Carmelina da parte di un militare dell’arma, onta subito lavata col sangue dal Pollastri medesimo che a causa di questo delitto sarebbe quindi stato costretto a darsi alla latitanza.

Però nessuna di tali ipotesi trova riscontro oggettivo e certo nella documentazione storica del periodo e anche riguardo la sua fede politica si nutrono dubbi; egli stesso rispose al giudice che gli poneva la domanda specifica con un vago e lapidario: – Ho le mie idee –

L’anacronistica carriera dell’estemporaneo brigante ebbe termine a Parigi proprio nelle circostanze narrate dall’autore nel testo: quel giorno si doveva disputare un criterium ciclistico con la partecipazione dell’amico campione e lui non seppe resistere alla tentazione di assistervi come spettatore, ma alla polizia era giunta una soffiata e lo attese al varco per catturarlo.

Sull’identità della presunta spia si sono fatte parecchie congetture, ma l’ipotesi più accreditata rimane quella che la colpevole del tradimento sia stata la sua donna.

Condannato all’ergastolo scontò gran parte della pena nel carcere di massima sicurezza di Porto Santo Stefano fino alla concessione della grazia avvenuta nel 1959. Una volta libero passerà il resto dei suoi giorni facendo il venditore ambulante per guadagnarsi da vivere.

Sante Pollastri morì solo e dimenticato il 30 Aprile 1979 questa l’unica cosa certa, tutto il resto è leggenda.

TESTO / LYRICS

Due ragazzi del borgo cresciuti troppo in fretta
un’unica passione per la bicicletta
un incrocio di destini in una strana storia
di cui nei giorni nostri si è persa la memoria
una storia d’altri tempi, di prima del motore
quando si correva per rabbia o per amore
ma fra rabbia ed amore il distacco già cresce
e chi sarà il campione già si capisce
Vai Girardengo, vai grande campione
nessuno ti segue su quello stradone
Vai Girardengo, non si vede più Sante
è dietro a quella curva, è sempre più distante.
E dietro alla curva del tempo che vola
c’è Sante in bicicletta e in mano ha una pistola
se di notte è inseguito spara e centra ogni fanale
Sante il bandito ha una mira eccezionale
e lo sanno le banche e lo sa la questura
Sante il bandito mette proprio paura
e non servono le taglie e non basta il coraggio
Sante il bandito ha troppo vantaggio.
Fu antica miseria o un torto subito
a fare del ragazzo un feroce bandito
ma al proprio destino nessuno gli sfugge
cercavi giustizia ma trovasti la Legge.
Ma un bravo poliziotto che sa fare il mio mestiere
sa che ogni uomo ha un vizio che lo farà cadere
e ti fece cadere la tua grande passione
di aspettare l’arrivo dell’amico campione
quel traguardo volante ti vide in manette
brillavano al sole come due biciclette
Sante Pollastri il tuo Giro è finito
e già si racconta che qualcuno ha tradito.
Vai Girardengo, vai grande campione
nessuno ti segue su quello stradone
Vai Girardengo, non si vede più Sante
è sempre più lontano, è sempre più distante
sempre più lontano, sempre più distante…
Vai Girardengo, non si vede più Sante
Sempre più lontano, sempre più distante…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...